Castel del Monte, between the grain and the sky
maggio 18, 2017
Turismo esperienziale
ottobre 19, 2017

Bari, nuova meta del turismo internazionale.

“La ruota gira per tutti”, si usa dire e stavolta è toccato alla Puglia. Ma è un caso se dal 2015 questa regione ha cominciato a mettersi in luce, anzi, a brillare di luce propria, rispetto agli anni precedenti, nello scenario delle mete turistiche predilette a livello internazionale? Assolutamente no. Il processo di crescita è stato favorito dall’incremento delle strutture ricettive, alberghiere e paralberghiere, neonate sul territorio, dalla valorizzazione di quest’ultimo attraverso iniziative culturali e riqualificazioni, da un’ottimale promozione e branding regionale e da piani strategici in continuo aggiornamento che coinvolgono enti, associazioni, università.
La combo perfetta per attrarre, turisti da ogni punto del globo. Con sorpresa, la città della regione ad essere maggiormente cresciuta è Bari, raggiungendo il 14% in più di attività turistica. Per quanto riguarda l’occupazione alberghiera e dei bed and breakfast, in estate raggiunge il 100% e in inverno il 70%, grazie ad un turismo costante e non stagionale essenzialmente di tipo “business”. Circa i ristoranti, i più storici e pubblicizzati, sono frequentati da turisti tutto l’anno seppur, talvolta, privi di personale pronto al flusso internazionale. Infine, quanto ai servizi, Bari si sta velocemente attrezzando non solo per offrire alloggi di qualità ma anche per vendere vere e proprie “esperienze”. E’ necessario soddisfare sia un target che desidera un soggiorno rilassante e all’insegna della genuinità che uno più esigente e sofisticato. Il turismo city break non è più finalizzato ad attendere un traghetto o a raggiungere una meta finale, ma a scoprire i meandri del centro storico in bicicletta, ad assaggiare le specialità culinarie, a fare delle escursioni partendo proprio da Bari verso luoghi limitrofi.
Ci si può senza dubbio definire orgogliosi dei progressi in ambito turistico della regione Puglia e della città di Bari. Considerare il turismo un’attività economica cardine e non minore non è cosa immediata e scontata. I cittadini devono ragionare in maniera cosmopolita ma soprattutto ospitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *